NEWS ED EVENTI

In questa pagina sono pubblicate tutte le notizie e gli eventi di Legacoop Lombardia.
Le notizie sono presentate in ordine cronologico inverso, dalla più recente alla più lontana nel tempo.
È inoltre possibile fare una ricerca tra le notizie pubblicate utilizzando il modulo a destra.

Cerca nelle news
WORKSHOP “BILANCIO E IMPATTO SOCIALE IN AREA PRODUZIONE CULTURALE E SPETTACOLO”

Legacoop Lombardia Area Cultura e Media, Confcooperative Lombardia settore Cultura  ed AGIS Lombardia organizzano martedì 4 dicembre dalle ore 09.30 alle ore 13.30 un workshop sul tema del bilancio e dell’impatto sociale nel settore dello spettacolo e della produzione culturale, alla luce del lavoro promosso nel corso dell’anno su impresa sociale e riforma del terzo settore. L'incontro si terrà presso la sede di Confcooperative Lombardia in Via F. Filzi, 17 a Milano. Il workshop prevede un intervento di Giulia Biazzi, ricercatrice di Socialis (Centro studi in imprese cooperative, sociali ed enti non profit-Impresa Sociale – Università di Brescia) e si articolerà in gruppi di lavoro tematici volti allo scambio di buone prassi ed alla definizione in modo collaborativo di ipotesi di indicatori di impatto.

L’Approvato dai Soci arriva alla Triennale di Milano

Quello dell’Approvato è un importante momento di partecipazione, nel corso del quale chiediamo ai nostri Soci di esprimere il giudizio definitivo sulla qualità dei nostri prodotti. Quale luogo migliore dunque se non l’esposizione che celebra il 70° anniversario della nascita del prodotto a marchio Coop? l prodotti che risulteranno graditi verranno contrassegnati dal marchio Approvato dai Soci, mentre i prodotti che non supereranno i test saranno sottoposti a un’ulteriore verifica, con l’obiettivo di valutarne le possibili modifiche o l’eventuale rivisitazione del percorso di produzione. Tutti i dati raccolti verranno elaborati da Coop Italia, e serviranno per migliorare i prodotti e presentarli sugli scaffali insigniti del loro riconoscimento più importante: il marchio Approvato dai soci Coop. Sabato 1 dicembre e sabato 5 gennaio partecipa anche tu alle giornate dedicate ai Soci Coop e vieni a dirci la tua. La durata dell’assaggio con valutazione è di circa mezz’ora, e a seguire è prevista una visita guidata gratuita alla mostra. L’ingresso è a gruppi di 16-17 soci nei seguenti orari: dalle 11:00 alle 13:00 dalle 16:00 alle 18:00 Alle 13 è previsto un cocktail lunch, mentre alle 18 un cocktail serale presso il Design caffè, adiacente alla Sala LAB dove si svolgeranno i test. Possono partecipare ai test di gradimento i Soci Coop, o i familiari dei Soci, che consumano abitualmente il prodotto candidato a diventare prodotto Coop. Prenota subito il tuo Approvato dai Soci scrivendo una email a info.soci@lombardia.coop.it con oggetto ADS – TRIENNALE, indicando il numero di partecipanti e l’orario di visita, scegliendo tra uno dei seguenti: 11.00 – 11.30 – 12.00 – 12.30 – 16.00 – 16.30 – 17.00 – 17.30

“Crescere a tavola”

CIRFOOD e Il Giornale del Cibo hanno presentato i dati della campagna di sensibilizzazione #CrescereAtavola, lanciata ad Aprile 2018 con lo scopo di esplorare cause ed effetti dell’obesità infantile, diffondere le buone pratiche alimentari utili a prevenire il sovrappeso e ad educare i bambini in età scolare ad una corretta alimentazione. Il Giornale del Cibo, nell’ambito della campagna #CrescereATavola, ha dato ampio spazio al tema della sana alimentazione infantile attraverso articoli, test, infografiche e video, per approfondire i principali aspetti legati a questo tema. I risultati della campagna #CrescereAtavola sono stati al centro di un incontro che, il 6 novembre, ha messo a confronto diversi esperti di alimentazione, pediatri e professionisti del mondo della ristorazione. Questa iniziativa rappresenta una testimonianza concreta dell’impegno di CIRFOOD nel promuovere la cultura del cibo e della alimentazione anche attraverso momenti di incontro e approfondimento fra tutti i soggetti che possono contribuire alla salute e al benessere dei suoi stakeholder. #CrescereATavola: i dati della campagna e i temi emersi L’obesità infantile colpisce ancora un numero molto alto di bambini nel nostro paese (il 9,3%) ed è una patologia che pregiudica la vita futura in maniera grave, per questo la prevenzione è fondamentale. L’argomento della campagna ha destato molto interesse nei lettori: “i risultati raggiunti sono superiori a quelli che ci aspettavamo, gli articoli scritti per #CrescereAtavola hanno totalizzato ben 53mila visualizzazioni in soli 6 mesi – ha commentato il Direttore Responsabile de Il Giornale del Cibo, Silvia Trigilio – e le interazioni sono state 63mila. I nostri lettori hanno condiviso le loro opinioni e le loro testimonianze attraverso i social, oppure partecipando al test ‘Quanto è sana l’alimentazione di tuo figlio?’, che abbiamo costruito con l’aiuto di una nutrizionista”. In questo modo è stato possibile farsi un’idea delle abitudini alimentari dei bambini italiani. “Dai commenti dei nostri lettori – ha aggiunto il Direttore – è emerso che molti includono tra le principali cause del sovrappeso e dell’obesità infantile la disattenzione o la mancanza di tempo da parte delle famiglie, spesso poco propense a educare i figli ai corretti stili di vita, per pigrizia, o poco informate. Di contro, alcuni genitori riconoscono l’importante ruolo educativo della scuola, evidenziano anche delle responsabilità da parte dell’istituzione scolastica. Infine, grazie ai dati raccolti con un sondaggio su Facebook, è apparso molto chiaro il legame tra disponibilità economica e obesità: una ridotta capacità di spesa da parte delle famiglie non garantisce un’alimentazione sana”. Dopo aver dato voce alle famiglie, la campagna si è concentrata anche su un altro attore fondamentale nell’educazione dei bambini: la scuola. Dalle interviste alle maestre (del nord, centro e sud Italia) è emerso che molte scuole sono all’avanguardia nell’educazione alimentare, aderiscono a progetti ministeriali o addirittura ne attuano alcuni in modo spontaneo, e spesso adottano anche soluzioni antispreco, sensibilizzando i bambini su questo tema. La condivisione del pasto, negli istituti in cui è presente il servizio di mensa scolastica, inoltre, ha un altissimo valore educativo, come sottolineato da una delle insegnanti intervistate. <span data-mce-type="bookmark" style="display: inline-block; width: 0px; overflow: hidden; line-height: 0;" class="mce_SELRES_start"></span> Per conoscere

Scuola Imiberg, open day a Bergamo

La cooperativa sociale Imiberg che gestisce l'omonimo istituto scolastico venerdì 30 novembre e sabato 1° dicembre apre le porte ai futuri studenti. La Scuola Imiberg, istituto scolastico pubblico non statale, rivolto a tutti, senza fini di lucro, mira alla formazione umana, culturale e sociale dei giovani, in rapporto con la formazione familiare e nell’ambito specifico dell’attività didattica e culturale. Il metodo educativo della Scuola Imiberg si fonda su una precisa ipotesi pedagogica che si declina in quattro pilastri: valore allo studio, attenzione alla persona, apertura al mondo e mentalità sportiva. Per saperne di più venerdì 30 novembre e sabato 1° dicembre in Via Santa Lucia 14 a Bergamo si terranno gli open day superiori, con incontri, laboratori e dibattiti. Quattro gli indirizzi superiori della scuola: istituto tecnico economico, liceo scientifico, liceo scientifico opzione scienze applicate e liceo scientifico ad indirizzo sportivo. Per l'occasione sarà anche presentata la nuova collaborazione tra la scuola e l’azienda Italtrans del settore trasporti e logistica che coinvolge le classi 3°, 4° e 5° dell’Istituto Tecnico Economico Imiberg e prevede lo svolgimento di diversi argomenti di studio direttamente in azienda, con approfondimenti pratici sul reale utilizzo delle conoscenze teoriche, ma anche l’approfondimento teorico in classe con professionisti Italtrans di alcuni argomenti tecnici. Durante gli Open Day e durante le feste di Natale sarà inoltre possibile acquistare i prodotti UPCYCLE realizzati dai ragazzi attraverso il riuso di materiali di scarto, quali gli avanzi di moquette o di erba sintetica, a partire dall’esperienza di alternanza scuola-lavoro svolta con la Pietro Radici Industries & Brands s.p.a. PROGRAMMA OPEN DAY – SUPERIORI Venerdì 30 novembre 2018, 17.00 – 21.00 Sabato 1° dicembre 2018, 10.00 – 13.00 DENTRO L’ESPERIENZA CON METODO Venerdì alle 17.00 e alle 19.00 in Teatro. Sabato alle 10.00 e alle 12.00 in Teatro. Esposizioni ITE: CON-NESSI AL MONDO - L’IMPRESA, COME UN FIUME, SCORRE GIRA E CREA RICCHEZZA. LE “NOSTRE” AZIENDE DI FAMIGLIA. – 1° ITE – Chiostro e Aula 4° LS/LSA - LA BELLEZZA DELLA REALTÀ. LA CONVIVENZA DI INIZIO ANNO A VENEZIA. – 2° ITE – Chiostro - VISITE AZIENDALI: UN’OCCASIONE PER COMPRENDERE. – 2° ITE – Aula 4° LS/LSA - PRESENTAZIONE ALTERNANZA SCUOLA LAVORO. GEWISS, RADICI INDUSTRIES, CHIMIVER E BIORTO. – 3° e 4° ITE – Aula 4° LS/LSA - UP CYCLE. UNA MINI-COMPANY DI CLASSE. – 4° ITE – Aula 4° LS/LSA LICEI: DENTRO L’ESPERIENZA CON METODO - SPORT E SCIENZA: UN SOLO METODO? – Liceo Sportivo – Palestrina - THE LANGUAGE ROOM – Licei – Teatro - IL METODO SPERIMENTALE NELLO STUDIO DELLE SCIENZE – 4° LS/ LSA – Laboratorio di Scienze - TRACCE DAL ‘68 – 4° LS – Aula 3° B medie - ACCELERANDO! – 2° LSA/LSS – Chiostro - UN TOUR NELL’ANTICA ROMA – 1° e 2° LS – Zona formazione - APPARENZA E VERITA’ – 4° LS/LSA – Zona formazione - PESCA LA CARTA …MATEMATICA – 1° LS/LSA/LSS – Aula Consigliare - TRIS E DINTORNI – 3° e 4° LSA – Laboratorio Informatica 1 Per informazioni: http://imiberg.it/

Sullastessabarca, la buona accoglienza in Brianza

Alla campagna di comunicazione sociale nel territorio di Vimercate ha partecipato anche la cooperativa sociale Aeris, ente gestore del progetto SPRAR 29 Vimercate - Sistema Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati. Da qualche giorno in vari luoghi della Brianza sui cartelloni pubblicitari si legge la frase "Siamo tutti sulla stessa barca" accompagnata da volti di ragazzi e ragazze che vorrebbero realizzare i propri sogni, chi in Italia chi altrove. La campagna di sensibilizzazione è l'esito di un lavoro di rete realizzato con studenti (degli istituti secondari di secondo grado Einstein, Floriani, Vanoni, Banfi, ECFoP di Vimercate e Nizzola di Trezzo sull’Adda) e migranti, con la guida dell’azienda speciale consortile Offertasociale e della cooperativa sociale Aeris, ente gestore del progetto SPRAR 29 Vimercate - Sistema Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati che oggi ospita 50 persone in 12 appartamenti dislocati in nove municipalità. La campagna è l'esito di un lavoro che tiene insieme la volontà di accogliere e quella di sensibilizzare le comunità locali sul tema dell'accoglienza, attraverso testimonianze dirette. Il sottotitolo che si legge sui cartelloni lo spiega chiaramente: "una buona accoglienza è quello che ti aspetti, perchè è un segnale di civiltà. Accogli come vorresti essere accolto". Dall'ideazione alla presenza nelle scuole, la partecipazione al progetto della cooperativa sociale Aeris è stata molto intensa, come racconta Cristina Romanelli, coordinatrice SPRAR 29 Vimercate, risultato di un lavoro durato due anni, condviso da 29 comuni del territorio. I cartelloni saranno visibili fino a fine dicembre, in punti strategici delle strade dei Comuni di Bellusco, Vimercate, Bernareggio, Busnago, Arcore e Concorezzo, tutti in provincia di Monza e Brianza. Volti e storie che si mostrano e si raccontano per venire fuori dall'anonimato e condividere desideri, aspirazioni e paure, perchè in fondo siamo tutti sulla stessa barca. ll Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR) è realizzato a livello territoriale dagli enti locali, che,con il prezioso supporto delle realtà del terzo settore, garantiscono interventi di “accoglienza integrata”: vitto e alloggio, sono affiancati da misure di accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico. Non solo protezione quindi, ma anche integrazione.

Oggi e Domani, la proposta della mutua Insieme Salute per vivere meglio

La mutua sanitaria ha presentato in un convegno al Politecnico di Milano il quadro delle problematiche legate alla popolazione che invecchia e delle possibili risposte dalla tecnologia al cohousing, e la sua proposta di assistenza "Oggi e Domani". Gli over 65, dati alla mano, sono la classe che è cresciuta di più negli ultimi 10 anni in Italia. Questo si traduce in un bisogno di assistenza che ha un peso importante per le famiglie e per il pubblico. Un peso - più del 27% del PIL annuo nazionale - ma anche un'opportunità in termini occupazionali, la cosiddetta silver economy sposta il dibattito su come gestire le risorse tra pubblico e privato. In questo quadro la mutua sanitaria Insieme Salute, fondata nel 1994, ha sentito l'esigenza di sollecitare un confronto tra i diversi possibili attori (enti pubblici, mutue, fondi, cooperative sociali, cooperative di abitanti, prestatori di servizi) per discutere delle soluzioni già attivate oggi e di quelle che potranno essere messe in atto domani. L'obiettivo, oltre a proporre soluzioni concrete, è promuovere un cambiamento culturale che miri all'invecchiamento attivo, alla prevenzione (piuttosto che alla cura) e alla valorizzazione della mutualità e della cooperazione. Tra le buone pratiche già attive in Lombardia, c'è l'esperienza di cohousing del “Borgo sostenibile” di Figino, gestito dalla cooperativa Genera e presentato  in convegno dalla presidente Sara Mariazzi. Un villaggio protetto, dotato di servizi e di personale di assistenza, ma perfettamente inserito nel quartiere, diventato “dementia friendly”, dove anziani con patologie neurodegenerative vivono in un mix abitativo accanto a famiglie con bambini, si spostano in sicurezza nel quartiere a misura d'uomo, vivono accanto ai lavoratori che presto popoleranno i due spazi di coworking di prossima apertura. Il grande valore sociale della risposta mutualistica per la salute e la non autosufficienza, risiede nella natura sociale stessa della mutua. "Chi aderisce alle nostre proposte" dichiara Valerio Ceffa, presidente della Mutua Sanitaria Insieme Salute "è un socio, non un cliente. Qui sta la distintività di una mutua: non abbandonare mai nessuno. Non ci sono ad esempio limiti di età per usufruire delle prestazioni. Anche per la non autosufficienza siamo partiti dal bisogno delle persone e non dalla necessità di trarre profitto, ideando la prima formula di LTC (tutela della non autosufficienza) democratica e a basso costo”. Oggi e Domani è il nome della nuova assistenza che tutela il socio in caso di non autosufficienza temporanea e permanente, presentata dal direttore di Insieme Salute Claudio Canepa. L'assistenza è attivabile entro il compimento dei 65 anni di età, non prevede una semplice remunerazione in caso di non autosufficienza ma il rimborso delle spese sostenute o l’erogazione diretta di servizi (badanti, trattamenti riabilitativi, acquisto o noleggio ausili, presidi, tutori, degenza in RSA, tele-assistenza, ecc.) e, soprattutto, non pone limiti di età ad usufruire dell’assistenza. Prevede inoltre l’innovativo servizio gratuito di reperimento e invio al domicilio di operatori socio-sanitari (OSS) e socio-assistenziali (OSA) che può essere richiesto dal Socio anche in caso di bisogno di un genitore non iscritto a Insieme Salute e servizi socio-assistenziali e infermieristici domiciliari e