Cooperatori solidali: ferie e permessi donati ai colleghi

CONDIVIDI


Da Coop Lombardia alla cooperativa sociale Faber, sono diversi i casi in cui cooperazione è sinonimo di solidarietà tra colleghi.

E’ successo a Lucia, banconista dell’Ipercoop La Torre di Baggio, che ha ricevuto dai colleghi permessi e ferie dopo aver assistito per un anno il figlio ricoverato. Quando i suoi colleghi hanno saputo della sua terribile vicenda hanno deciso di mettere in atto una raccolta di ore di permessi e ferie, per consentire a Lucia di stare vicino a suo figlio, senza dover rinunciare allo stipendio per un’aspettativa non retribuita. Coop Lombardia e i sindacalisti hanno accettato di buon grado questa iniziativa che ha permesso in poco tempo di accumulare un numero considerevole di ore.
Il direttore delle risorse umane, Luca Rizzardi, rivela però che quello di Lucia non è un caso isolato: negli ultimi due anni, infatti, il capitolo del Contratto Integrativo Aziendale di Coop Lombardia, dedicato alla solidarietà fra i dipendenti, è stato applicato in diverse occasioni. Ben otto dipendenti della cooperativa, in situazioni di difficoltà personali differenti fra loro, hanno potuto beneficiare della sensibilità di quasi 400 colleghi, che hanno donato loro più di 2.000 ore delle loro ferie residue. Un “montepremi” generoso che ha consentito di alleggerire un gravoso carico di sofferenza.

Succede a Diego, responsabile gestione team alla cooperativa sociale Faber in provincia di Pavia, che può stare vicino a suo figlio di cinque anni in un momento molto difficile. Come ci ha raccontato lui stesso: “Prontamente diversi operatori si sono attivati per donarmi alcune delle loro ferie, con la collaborazione e disponibilità del Presidente della cooperativa, Fabio Garavaglia, permettendomi di stare vicino a mio figlio ricoverato fino a un mese fa. Ancora adesso mi chiedono se abbia la necessità di incrementare il mio monte ore di ferie per eventuali necessità legate a mio figlio. Cose che non succedono tutti i giorni e che ti fanno capire che un gruppo di lavoro può diventare qualcosa di molto più grande”.

Le ferie solidali in Italia sono state introdotte formalmente dal Jobs Act – D. Lgs. n. 151/2015 su modello della legge francese a tema, la legge Mathys.
Il testo dell’articolo intitolato “Cessione dei riposi e delle ferie” è il seguente: “Fermi restando i diritti di cui al decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66, i lavoratori possono cedere a titolo gratuito i riposi e le ferie da loro maturati ai lavoratori dipendenti dallo stesso datore di lavoro, al fine di consentire a questi ultimi di assistere i figli minori che per le particolari condizioni di salute necessitano di cure costanti, nella misura, alle condizioni e secondo le modalità stabilite dai contratti collettivi stipulati dalle associazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale applicabili al rapporto di lavoro”.

CONDIVIDI