Coronavirus, nuovo Dpcm in vigore fino al 13 novembre 2020

14 Ottobre 2020

CONDIVIDI


Più smartworking, stretta sulle feste in casa e locali chiusi a mezzanotte, nuova quarantena di dieci giorni e un solo tampone negativo di controllo in uscita. Alcune delle nuove disposizioni contenute nel decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale (GU Serie Generale n.253 del 13-10-2020). Le misure si applicano dal 14 ottobre 2020 e sono efficaci fino al 13 novembre 2020.
Il termine dello stato di emergenza per Covid-19 resta fissato al 31 gennaio 2021.

L’articolo 1 del Dpcm rubricato “Misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale” descrive l’obbligo di indossare le mascherine nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e in tutti i luoghi all’aperto a eccezione di quelli in cui “sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi”. Sono esclusi da questo obbligo: i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva; i bambini di età inferiore ai sei anni; i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina.
Nel testo di legge: “è fortemente raccomandato l’uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all’interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi”.
Restano consentite le attività sportiva di base e motoria in genere svolte presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi, pubblici e privati così come gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto purché svolti con posti a sedere preassegnati e distanziati e a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, con il numero massimo di 1000 spettatori per spettacoli all’aperto e di 200 spettatori per spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala.
Sospesi i viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche comunque denominate, programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado.
Restrizioni per le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) consentite sino alle ore 24.00 con consumo al tavolo e sino alle ore 21.00 in assenza di consumo al tavolo.
Cresce l’attenzione verso smartworking e affini, come si legge nel decreto: “in ordine alle attività professionali si raccomanda che siano attuate anche mediante modalità di lavoro agile, ove possano essere svolte al proprio domicilio o in modalità a distanza”.

Completano il testo del decreto 22 Allegati: CLICCA QUI

Le disposizioni del decreto si applicano dalla data del 14 ottobre 2020 in sostituzione di quelle del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 7 agosto 2020, come prorogato dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 7 settembre 2020, e sono efficaci fino al 13 novembre 2020. Il termine dello stato di emergenza per Covid-19 resta fissato al 31 gennaio 2021.

SCARICA IL TESTO DEL DPCM: CLICCA QUI

LINK ALLA GAZZETTA UFFICIALE: CLICCA QUI

 

CONDIVIDI