Cultura e spettacolo, 25 milioni per il rilancio sostenibile

14 Luglio 2020

CONDIVIDI


A sottoscrivere l’Accordo con Intesa Sanpaolo Prossima, la struttura dedicata all’Economia del Bene Comune, anche Alleanza Cooperative Italiane assieme a Forum Terzo Settore, Ferderculture e Agis.

Per il rilancio del settore culturale, tra i più feriti dall’emergenza pandemia, Intesa Sanpaolo Prossima metterà a disposizione una quota del proprio Fondo di solidarietà e sviluppo di 5 milioni di euro, con un effetto leva che consentirà di concedere finanziamenti per un massimo di 25 milioni di euro a realtà più piccole periferiche e giovanili con particolari difficoltà di accesso al credito.
L’obiettivo dell’istituto bancario è aumentare ulteriormente il proprio impegno creditizio nel settore, oggi valutabile in 250 milioni di euro, per sostenerne il rilancio. Con l’accordo la banca promuove inoltre uno spazio di confronto nel quale gli operatori del settore si incontrano in modo continuativo per definire modelli di sostenibilità sulla base delle rispettive esperienze con un approccio strutturale alla crescita che andrà a beneficio dell’intero settore.
Non solo finanziamenti dunque ma un approccio sostenibile, di rete e cooperazione.

A sottoscrivere l’accordo anche Alleanza Cooperative Italiane che nel settore associa imprese cooperative storiche che gestiscono siti e complessi monumentali, erogano servizi museali e culturali, operano nel campo del restauro e della conservazione, sono presenti nella produzione e organizzazione di spettacoli dal vivo, nella musica, nel teatro, nell’editoria e nel cinema.

CONDIVIDI