DAR=CASA, 30 anni di cooperazione

8 Gennaio 2021

CONDIVIDI


Per celebrare il suo importante compleanno la cooperativa di abitanti milanese ha deciso di raccontarsi attraverso le voci di 14 donne – lavoratrici, abitanti, volontarie – che hanno condiviso parte di questa storia. Si comincia con un’intervista a Sara Travaglini, la presidente della cooperativa, per cui “Dar è anche un modo per rendere realizzabile quel mondo possibile che tanti hanno sognato e che continuano a sognare.”

Trent’anni di intenso lavoro per offrire risposte dignitose a famiglie e persone in situazioni di vulnerabilità abitativa. Per molti soci ed inquilini, la casa di DAR ha rappresentato in questi anni la possibilità di stabilizzarsi in un paese diverso dal proprio, ricongiungersi con la propria famiglia, far crescere i propri figli in un ambiente accogliente, costruire relazioni positive con vicini di casa che diventano supporto nei momenti di difficoltà. Guadagnare insomma quella sicurezza insieme abitativa e umana che spesso è a rischio quando si vive in condizioni di instabilità e precarietà.
La cooperativa milanese ha deciso di festeggiare i suoi 30 anni dalla fondazione raccontando la propria storia e il lavoro quotidiano, i progetti storici e quelli più recenti, attraverso le voci di donne che rappresentano la storia ed il presente della cooperativa. Donne che hanno lasciato il loro paese per costruirsi una nuova vita a Milano, donne che hanno dedicato il loro tempo ad azioni di volontariato, donne che hanno trovato una professione a partire dalla necessità di dare risposta ai propri (bi)sogni, donne che erano in cerca di un nuovo percorso abitativo.
Ogni settimana, a partire da venerdì 8 gennaio 2021, verranno diffusi, attraverso i social network, contenuti fotografici e video pensati per questo trentennale: i racconti delle donne di DAR accompagneranno la presentazione di ogni progetto abitativo, impreziosito da un ricordo che le persone che lavorano nella cooperativa hanno voluto dedicargli. Questa lunga narrazione proseguirà fino all’inizio dell’estate, quando – ci si augura – sarà possibile una grande festa di celebrazione.

A dare inizio al racconto è Sara Travaglini, presidente della cooperativa, per cui “Dar è anche un modo per rendere realizzabile quel mondo possibile che tanti hanno sognato e che continuano a sognare.”

GUARDA IL VIDEO: CLICCA QUI

CONDIVIDI