L’impatto sociale e ambientale delle cooperative di Legacoop Lombardia

20 Gennaio 2022

CONDIVIDI


L’associazione, in collaborazione con Banca Etica, ha attivato una piattaforma innovativa per la valutazione dell’impatto sociale e ambientale delle cooperative aderenti. A raccontare il progetto in corso la Direttrice di Legacoop Lombardia Barbara Farina.

Quante donne partecipano alla governance dell’impresa? Qual è il rapporto retributivo tra amministratori e dipendenti? Quali le pratiche di sostenibilità ambientali per la riduzione dei consumi?
Sono alcune delle domande al centro della valutazione qualitativa e quantitativa degli effetti delle attività svolte dalle cooperative sulle comunità di riferimento.
Impatto è la parola chiave per accedere al cambiamento, verso una società più giusta e inclusiva che rispetti le persone e gli ecosistemi. Come spiega Barbara Farina, Direttrice di Legacoop Lombardia e referente del progetto: «Sempre più spesso la “finanza agevolata” richiede la misurazione dell’impatto sociale e ambientale e il nostro intento è quello di integrare la rendicontazione con fattori valutativi legati al cambiamento che le attività delle cooperative generano sui territori. E’ necessaria – aggiunge Farina – una restituzione singola e complessiva della qualità del sistema cooperativo sui temi legati alla sostenibilità, alla parità di genere, alla governance, all’intergenerazionalità, ai principi mutualistici e alla adozione di regolamenti e linee guida dell’Associazione».

Il progetto, avviato da Legacoop Lombardia in collaborazione con Banca Etica, è stato presentato alla platea cooperativa nel corso dell’ultima direzione associativa ed è entrato a gennaio 2022 nella fase viva della valutazione coinvolgendo le cooperative aderenti all’associazione.
Mediante un set di domande di carattere prevalentemente qualitativo, saranno possibili output settoriali, di target e di filiera utili anche alle singole cooperative per valorizzare ulteriormente la rendicontazione. Come sottolinea Farina si tratta di: «una valutazione che servirà a realizzare percorsi condivisi e adozione di modelli che accrescano il fattore qualitativo, a colmare gap ed utilizzare il valore del cambiamento come leva migliorativa dei processi, costruendo nuovi modelli di sviluppo che leghino in modo armonico la sostenibilità economica, sociale e ambientale».

Per maggiori informazioni e per prendere parte al progetto, scrivere all’indirizzo: valutazioneimpatto@lombardia.legacoop.it

GUARDA IL VIDEO: CLICCA QUI

CONDIVIDI