Lavoro per la Lombardia, approvato l’avviso comune tra Regione e parti sociali

21 Ottobre 2020

CONDIVIDI


Legacoop Lombardia tra i firmatari del documento “Indirizzi fondanti per il potenziamento delle misure di politica attiva regionale per la ripresa” siglato oggi, mercoledì 21 ottobre, in occasione degli Stati Generali Patto per lo sviluppo. Da Regione Lombardia 125 milioni per il rilancio del lavoro.

Lavoro è la risposta comune al forte impatto negativo che il Covid ha esercitato sul contesto socio-economico lombardo a partire dai rischi occupazionali. Massiccio ricorso agli ammortizzatori sociali, mancato rinnovo dei contratti a tempo determinato e rischio di perdita di posti di lavoro una volta rimosso il blocco dei licenziamenti, gli effetti più duri della crisi pandemica. La ripresa, registrata da Regione Lombardia a partire dalla fine del secondo trimestre del 2020, è variabile e incerta a seconda dei settori produttivi e dei territori, con la presenza di alcuni trend positivi accanto a prospettive molto incerte.
Alla luce di questo quadro e di un confronto allargato con le parti sociali, è emersa l’esigenza di confermare e rilanciare gli strumenti regionali di politica attiva del lavoro: Dote Unica Lavoro, Garanzia Giovani e Azioni di Rete per il lavoro.
125 milioni di euro la somma complessiva stanziata da Regione Lombardia per l’attuazione del piano: fino a 80 milioni di euro per Dote Unica Lavoro, 35 milioni di euro per Garanzia Giovani e 10 milioni di euro per le Azioni di rete in partenariato. Sono inclusi gli incentivi alle assunzioni alle imprese che assumono i destinatari di percorsi di politica attiva con contratti a tempo indeterminato o a tempo determinato di almeno 12 mesi, apprendistato e trasformazione di tirocinio in una delle citate tipologie di contratto.
Contribuiscono al piano di rilancio le strategie di riqualificazione delle professionalità anche con riferimento alle competenze maggiormente richieste dal mercato e alle sfide di trasformazione del tessuto produttivo e dei servizi poste dalla digitalizzazione e dall’economia verde.

Come ha commentato Attilio Dadda, Presidente di Legacoop Lombardia, firmatario dell’accordo: “L’emergenza attuale impone interventi straordinari in ambito sanitario e socio-economico. La sottoscrizione dell’avviso comune da parte di Legacoop Lombardia è un auspicio per politiche attive incisive sulla prossima crisi occupazionale, sui giovani, per le donne e per la riqualificazione professionale.”

SCARICA IL TESTO DELL’AVVISO: CLICCA QUI

CONDIVIDI