NEWS ED EVENTI

Cerca nelle news
DOMENICA 28 GIUGNO: TUTTI I CIRCOLI AL LAGO- raduno annuale estivo dei circoli cooperativi

                              L'appuntamento estivo dei Circoli Cooperativi è per Domenica 28 Giugno. Il nuovo Dipartimento Circoli Culturali,prosegue nel  proporre buone pratiche ed indice il consueto seminario estivo dei Circoli invitandoli per Domenica 28 Giugno a Lecco presso il Circolo Libero Pensiero di LECCO, un veterano della Circolistica Lombarda.  Sin dalla prima edizione l'incontro tra Circoli si è caratterizzato con una modalità di proposta.  Un argomento principale che sollecita gli stessi ad un confronto ed uno scambio di esperienze, pratica apprezzata  che si è sempre rivelata utile. Quest'anno il tema  sarà: " I Circoli dopo L'Associazione con: il nuovo Dipartimento, il Consorzio Fincircoli e Società per la Gestione"  ovvero: il percorso dei Circoli non si ferma,cosa è cambiato col Dipartimento e le strutture consortili dei Circoli,tante opportunità da valorizzare, conosciamo meglio servizi e utilità. Sarà un'occasione per promuovere anche la raccolta delle firme sulla proposta di legge contro le false cooperative. L'appuntamento avverrà presso il Circolo Libero Pensiero di LECCO, un veterano della Circolistica Lombarda. Conosciuto anche per la qualità del suo ristorante l'incontro proseguirà sia con l'assaggio di alcune specialità della cucina lecchese che con la visita a Villa Manzoni.  

Insieme Salute al padiglione Expo della Società Civile per difendere il mutualismo vero

Si è svolta sabato 23 maggio presso la Cascina Triulza, all’interno del sito espositivo Expo Milano 2015, l’Assemblea annuale dei Soci di Insieme Salute: società di mutuo soccorso con sede a Milano che garantisce ai suoi ormai 15.000 Soci sussidi e rimborsi di spesa per ogni tipo di prestazione sanitaria (pubblica e privata). Insieme Salute, che da più di 20 anni opera sul territorio nazionale e prevalentemente in Lombardia, non poteva mancare all’appuntamento con l’esposizione universale Expo Milano 2015. Quale migliore occasione per affermare e diffondere i valori e gli ideali del Mutuo Soccorso? La Cascina Triulza – padiglione della Società civile - ha offerto la cornice perfetta per lo svolgimento dell’Assemblea essendo il luogo dove il caotico mondo globalizzato incontra la società civile e il terzo settore per confrontarsi sui bisogni dei cittadini del mondo.   L’importanza di questo spazio all’interno di Expo, voluto e ottenuto dalla società civile e delle associazione di volontariato è subito sottolineata da Felice Romeo durante il suo intervento in qualità di socio onorario di Insieme Salute  e consigliere delegato della Cascina Triulza.   È invece Pierfrancesco Majorino - assessore alle Politiche sociali e Cultura del Comune di Milano – che per primo afferma l’importanza delle società di mutuo soccorso, ritenendo auspicabile il loro riconoscimento a livello regionale. Obiettivo deve essere quello di rafforzare la sinergia tra pubblico e privato e pensare alla riorganizzazione del sistema socio sanitario e socio assistenziale allargando l’orizzonte verso l’assistenza domiciliare: un sistema integrato tra i diversi soggetti e le varie realtà presenti sul territorio che offra servizi in risposta alle cosiddette nuove povertà  (fasce della popolazione impoverite, ma non ancora definite povere le quali, non potendo usufruire dei servizi e delle agevolazioni garantite dal settore pubblico, si trovano ad affrontare da sole nuove emergenze e nuovi bisogni tra cui quelli sanitari e assistenziali).   Placido Putzolu – presidente della Federazione Italiana della Mutualità Integrativa Volontaria (FIMIV) –  durante il suo intervento precisa come le società di mutuo soccorso non vogliano sostituirsi, bensì integrarsi, al Servizio Sanitario Nazionale. Ricordando la lunga storia e tradizione delle Mutue afferma inoltre l’importanza che oggi deve essere riconosciuta al Codice identitario delle società di mutuo soccorso: il codice etico che vuole affermare i valori e i principi imprescindibili che le vere società di mutuo soccorso devono rispettare e tutelare per difendere il mutualismo dalle sempre più numerose mutue spurie (operatori for profit vestiti da società di mutuo soccorso al solo scopo di sfruttare il regime fiscale e l’inquadramento normativo all’interno del quale agiscono le mutue, senza rispettare i principi e valori fondanti del mutualismo e offuscando in tal modo l’immagine delle mutue vere).   Come richiesto dallo Statuto sociale, l’Assemblea ha approvato il bilancio d’esercizio 2014 dal quale risultano i brillanti risultati ottenuti da Insieme Salute durante lo scorso anno. Da segnalare la partecipazione attiva di oltre 200 Soci che hanno contribuito al successo dell’evento con diversi interventi e approfondimenti.   Coinvolti dal filo conduttore dell’esposizione universale Nutrire il pianeta. Energia per la vita per il legame che unisce il tema dell’alimentazione con i temi della salute e della prevenzione,

Tagli ai dazi doganali in Cina: opportunità Italia e Made in Italy

Da lunedì 1 giugno la Cina ha tagliato i dazi sulle importazioni di prodotti d’abbigliamento, calzature, cosmetici e altri prodotti di lusso e di largo consumo. Una manovra che aiuterà le esportazioni delle imprese del Made in Italy verso quel grande mercato orientale dove si è ormai da tempo affacciata anche la classe media cinese orientata ad acquistare l’italian style. Gli abbattimenti tariffari sono sostanziali. I dazi d’importazione sono stati ridotti del 7 % per la maglieria, abbassati all’8 % per i capispalla, al 10 % per gli abiti, al 12 % per le calzature. In dettaglio, la nuova regolamentazione decisa dalla Commissione per le tariffe doganali diminuisce i dazi all’import su vari tipi di calzature – come stivali e scarpe sportive – dal 22-24% al 12%, su diverse tipologie di abbigliamento – come cappotti, giacche a vento, giubbotti, maglioni, giacche, tailleur e completi – dal 14-23% al 7-10%, nonché su prodotti per la cura della pelle – come creme solari e abbronzanti – dal 5% al 2%. La motivazione risiede nel differenziale di prezzo con le altre mete dello shopping internazionale, inasprito dalla recente rivalutazione dello yuan, che ha spinto molti cinesi ad acquistare oltreconfine, il 70% dei 60 miliardi spesi in prodotti di lusso nel 2014. I dazi molto alti, infatti, hanno portato i consumatori a pagare circa il 20 % in più in tasse sul lusso. Numeri alla mano, i cinesi sono responsabili del 47% del consumo globale del lusso, e il 73% degli acquisti avviene all’estero inclusi Hong Kong e Macao. La politica di prezzi proibitivi adottata fino ad ora dalla Cina ha spinto milioni di loro a viaggiare all’estero per acquistare a prezzi scontati questi generi di beni, rientrando in patria senza pagare tasse. Nel 2014 il 55% degli acquisti dalla Cina di fascia alta è avvenuto fuori dai confini nazionali e i turisti cinesi hanno speso all’estero 140 miliardi di dollari, il 18% in più rispetto all’anno precedente. Un’altra tendenza dimostrata è stata quella dell’acquisto online su siti stranieri o commissionando soggetti specializzati in spedizioni. Per questi, e altri motivi, Pechino ha deciso di riequilibrare il flusso di acquisto interno, scoraggiando la fuga all’estero e arrivando a rinunciare a una consistente fetta di tasse doganali. I tagli aumenteranno così le possibilità di esportazione dei Paesi UE, prima tra tutti l’Italia. Il rovescio della medaglia è rappresentato, invece, dalla frenata che inevitabilmente subiranno i flussi di spesa cinesi sui mercati internazionali. Questo, però, non deve spaventare i prodotti italiani di fascia alta e, in particolare, le aziende produttrici di Made in Italy che potranno sfruttare al meglio le opportunità offerte dall’apertura del mercato cinese. Adesso che ha prevalso la linea dei consumi su quella del rigore, i settori più favoriti dal taglio delle tariffe all’import varate dallo State Council della Cina, sono proprio quelli destinati ad aumentare difatti i consumi interni al paese: beni di consumo di alta gamma prodotti all’estero, compresi quelli alimentari di qualità, in testa il vino d’importazione, che entro la fine del mese di luglio saranno fatti circolare sul mercato