NEWS ED EVENTI

Cerca nelle news
LA TORRE GORANI, DOPO 40 ANNI TORNA VISIBILE A MILANO

In questi giorni è visibile ai milanesi, dopo almeno 40 anni, la Torre Gorani. La torre si trova nell’area archeologica di via Brisa, a pochi passi da Piazza Duomo, tra la Milano della Finanza di Piazza Affari e quella Sforzesca con il suo Castello. Qui sorgeva l’antichissimo Palazzo imperiale Romano, modificato molte volte, noto in seguito come Palazzo Gorani e distrutto dai bombardamenti del 1943 che risparmiarono solo la torre. Il palazzo è stato abitato dal letterato e storiografo Giuseppe Gorani, nato nel 1740 dal conte ormai decaduto Ferdinando e da Marianna Belcredi, che qui scrisse alcune opere. La Torre Gorani, assieme a quelle dei Morigi e  dei Meravigli sono tra le poche torri superstiti dell’epoca comunale di Milano.   L’intervento (due anni e mezzo di scavi archeologici), commissionato da Finaval, ha visto un’armonia fra innovazione e funzionalità delle strutture abitative e il valore dei reperti archeologici presenti nell’area, saranno ad esempio visibili attraverso oblò di cristallo i mosaici restaurati. I lavori archeologici sulla torre sono stati curati dalla cooperativa Archeologia, quelli di intervento edilizio dalla cooperativa CMB.   A questo link alcune immagini storiche dell’area: http://blog.urbanfile.org/2016/03/23/milano-brisa-restauri-alla-torre-dei-gorani/

REFERENDUM – Lusetti: “Il dovere di esprimersi, la libertà di scegliere”

“Il voto è un diritto che rischiamo di sottovalutare solo perché sono lontani nel tempo i sacrifici di chi lo ha conquistato, ma è il perno della democrazia e della costruzione di una comunità nazionale coesa e forte. Per questo mantenerlo vivo e vitale è un dovere di ognuno, al di là di ogni posizione personale rispetto al tema su cui siamo chiamati ad esprimerci”. Lo scrive il Presidente di Legacoop nazionale Mauro Lusetti in un messaggio in vista del referendum di domenica prossima.   “Questo referendum – spiega il presidente Lusetti - affronta una questione delicata. Noi cooperatori riconosciamo valori che ci appartengono alla base di entrambe le posizioni contrapposte. Il rispetto del lavoro e dell’ambiente, il diritto al futuro e la responsabilità da assumersi per garantire lo sviluppo: è una questione delicata perché possiamo assumere posizioni opposte sulla base di valori che tutti condividiamo”.   “Questo accade anche perché su un tema delicato il referendum – conclude Mauro Lusetti – ci propone un quesito molto specifico, relativo alla durata delle concessioni, non alla loro esistenza, né ai modelli più o meno sostenibili per le fonti energetiche. Diventa dunque controverso legare valori così alti a una scelta così specifica. Ogni cooperatore, tutte le cooperatrici si esprimano dunque secondo il proprio personale punto di vista, senza divisioni e in piena libertà di coscienza.

Abitare sostenibile: la cooperativa Novabita inaugura le case in legno di Carugate

A Carugate, in provincia di Milano, è stato inaugurato un edificio passivo, ovvero basato sull'integrazione di materiali e tecnologie appropriati che assicurano all'edificio un'elevata qualità abitativa ed una sensibile riduzione dei consumi energetici. Il progetto - commissionato dalla cooperativa edilizia Lucerna 79, costituita negli anni Novanta da militari dell'Arma dei Carabinieri con lo scopo di cercare le migliori soluzioni possibili per risolvere il "problema casa" dei soci costituenti - mette insieme tre realtà: Novabita cooperativa pavese di produzione e lavoro di Legacoop Lombardia specializzata nell'abitare sostenibile; Novello srl impresa varesina esperta in tecnologia di prefabbricazione del legno e la società Cappelletti Costruzioni Srl di Belgioioso, in provincia di Pavia. L'edificio, una palazzina residenziale di tre piani, è realizzato con strutture prefabbricate x-lam e telaio ed è dotato di: ventilazione meccanica controllata, climatizzazione in pompa di calore, impianto fotovoltaico, impianto solare termico, ampi terrazzi e giardini. Caratteristiche che gli riconoscono la certificazione CasaClima Oro classe A +, sinonimo di edilizia ad alto risparmio energetico e di un modo di abitare sano. Hanno partecipato alla cerimonia di inaugurazione: il sindaco di Carugate UMBERTO GRAVINA il sacerdote don EGIDIO BONIARDI il presidente della cooperativa Lucerna 79 GIUSEPPE VALENTE il vice-presidente della cooperativa Lucerna 79 CIRO BARCA il progettista e direttore dei lavori GIUSEPPE MONTECRISTO i rappresentanti dell’ATI: VITTORIO CATTANEO (Novabita) e MORENO NOVELLO (Gruppo Novello)