#Nonsoloil25novembre – La cooperazione cammina con le scarpe rosse

25 Novembre 2020

CONDIVIDI


Roma, 25 novembre 2020 – Recita così la campagna dalla Commissione Pari Opportunità di Legacoop Nazionale che sarà promossa e diffusa il 25 novembre in occasione della giornata mondiale contro la violenza di genere, durante la Direzione Nazionale. “Un impegno più che un slogan – commenta Annalisa Casino, Presidente della Commissione Pari Opportunità di Legacoop Nazionale – atto a testimoniare la volontà di porre un’attenzione costante al contrasto alla violenza di genere, ogni giorno.”
Questo impegno va riconosciuto anche al presidente di Legacoop Nazionale Mauro Lusetti, che ha fortemente voluto che la Direzione Nazionale del 25 novembre fosse aperta con un focus sul contrasto alla violenza di genere. Il concept della campagna #Nonsoloil25novembre, nasce dal confronto con le componenti della commissione, proposto da Federica Visentin di Legacoop Friuli Venezia Giulia ed elaborato dalla Commissione Nazionale con l’intento di coinvolgere cooperative e associazioni regionali e di settore tutte. Come? Condividendo sui social di tutte le organizzazioni cooperative, una locandina da corredare con gli hashtag: #Nonsoloil25novembre #Lacooperazionecamminaconlescarperosse #liberapuoi #1522.
C’è tanta strada da fare per contrastare la violenza di genere, a livello culturale soprattutto, e per questo è importante che ognuno faccia un passo per avversarla. Da diversi anni le scarpe rosse sono, – grazie all’artista Elina Chauvet -, simbolo della lotta contro il femminicidio e la violenza contro le donne, e l’intento della campagna #Nonsoloil25novembre è farle indossare, – simbolicamente aderendo alla campagna -, a tutte le cooperative e associazioni regionali e settoriali, perché la cooperazione cammini con le scarpe rosse.
Già lo scorso marzo, la commissione Pari Opportunità di Legacoop Nazionale aveva aderito alla campagna #Liberapuoi del Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri, lanciando la call to Action per promuovere la diffusione del 1522, il numero gratuito è attivo 24 h su 24, che accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking.
Ma la violenza di genere si consuma anche in tante forme indirette che non mortificano il corpo, ma la persona, come per esempio il non riconoscimento dei ruoli ed una non equa retribuzione.
Per questo motivo infatti su sollecitazione dell’Alleanza Italiana per lo sviluppo sostenibile (ASVIS), nel mese di luglio 2020 la Commissione Pari Opportunità ha promosso l’adesione delle cooperative e delle associazioni, alle Linee Guida della Società Italiana degli economisti, volte a promuovere la parità di genere negli eventi e nei panel. Il programma d’azione promosso dalla Commissione è ora in revisione in attesa dell’imminente uscita di una rielaborazione delle linee guida.
E proprio sulla violenza economica di genere, invece, è stato incentrato l’evento promosso a settembre, in occasione del Festival dello Sviluppo Sostenibile, dal Gruppo di lavoro sul GOAL 5 di ASVIS, al quale la Commissione Pari Opportunità partecipa con la presidente Annalisa Casino come componente e con la presidente onoraria Dora Iacobelli, co-coordinatrice del Gruppo e dello stesso evento tenutosi il 29 settembre presso il museo Macro di Roma.
L’anno che volge al termine e che ha visto aumentare esponenzialmente i casi di violenza domestica in occasione del primo lockdown dovuto all’epidemia di Covid-19, è iniziato con un’Assemblea di Alleanza delle Cooperative italianeche ha siglato con CGIl CISL UIL l’Accordo per il contrasto alla violenza e alle discriminazioni su luoghi di lavoro e prosegue con impegno forte della cooperazione anche a livello europeo. Lo testimonia l’approvazione in seno all’Assemblea di Cooperatives Europe della Carta di impegni per l’uguaglianza di Genere, sostenuta con forza grazie anche al contributo della nostra Commissione Donne e Parità di Alleanza delle Cooperative Italiane, che coordina il Gruppo di Lavoro sulle Pari Opportunità all’interno dell’associazione europea.
“La violenza di genere, in tutte le sue forme, si batte costruendo una nuova cultura di inclusione, parità e consapevolezza, – aggiunge la Presidente della Commissione Pari Opportunità di Legacoop Nazionale, Annalisa Casino – per questo l’approvazione della Carta d’impegni per l’uguaglianza di genere nelle cooperative Europee da parte di Cooperatives Europe e la promozione di quest’ultima ad opera della Commissione Donne e Parità di Alleanza delle Cooperative Italiane proprio in occasione della giornata della mondiale contro la violenza di genere, è un segnale della forte volontà del mondo della cooperazione a colmare il gender gap.”
Nei prossimi mesi sarà fondamentale collaborare con il Centro Studi e con LegacoopSociali: l’uno con l’intento di aggiornare dati e statistiche sul tema e l’altra, con la quale è già iniziato in primavera un ottimo dialogo, con lo scopo di mettere a sistema le iniziative agite dalle cooperative sociali in seno ai centri antiviolenza, così da poter fornire un concreto “servizio” pubblico utile a tutte le cooperatrici che ne abbiano bisogno.

Fonte: legacoop.coop

CONDIVIDI