Pomeriggio in cantiere, i “bazzini” in Ripa di Porta Ticinese con la cooperativa La Solidarietà

30 Maggio 2018

CONDIVIDI


Prosegue la collaborazione tra Legacoop Lombardia e l’Istituto Tecnico Industriale Carlo Bazzi con le visite degli studenti nei cantieri cittadini dove operano le nostre cooperative. L’ultima visita dell’anno scolastico è al cantiere di Via Ripa di Porta Ticinese dove la cooperativa C.M.G. La Solidarietà sta eseguendo i lavori di costruzione di un edificio residenziale per CCL Consorzio Cooperative Lavoratori.

“Quanto può caricare quell’autobetoniera?”*. Si misura anche il calcestruzzo al cantiere di Via Ripa di Porta Ticinese, a pochi passi dai Navigli milanesi, con le domande degli studenti del Bazzi ospiti della cooperativa di costruzioni “La Solidarietà”. Da Gussola (CR), dove la cooperativa ha sede da oltre settant’anni, a Milano per costruire un edificio con circa 90 alloggi in proprietà secondo il regime dell’edilizia libera.
Il progetto, ad opera di CCL Consorzio Cooperative Lavoratori, prevede la realizzazione di esercizi commerciali per il vicinato e la riqualificazione di due edifici di proprietà comunale destinati a servizi per la cittadinanza connessi al tema ciclopedonale.

Ad accompagnare i due gruppi, una classe IV e una classe V vicina agli esami di fine anno, l’ing. Andrea Dalle Mele e il Geom. Maurizio Venturini, soci lavoratori della cooperativa. Gli studenti erano già stati nell’area – 6.500 mq di fondazione piastra da edifcare – ad aprile, per vedere da vicino la primissima fase dei lavori, iniziati ufficialmente il 2 maggio. Ad oggi oltre 1500 mq sono stati realizzati ed è possibile vedere i pozzi di presa geotermici, profondi 40 metri, che andranno a servire l’impianto di riscaldamento.

A lavoro nel cantiere ci sono due idraulici, nove ferraioli, un’escavatore e cinque carpentieri, di cui un gruista che dirige la gru con il telecomando. Attualmente è in corso la fase di posa del ferro, operazione che gli studenti osservano con attenzione, alla ricerca di un cono d’ombra. A non temere il sole è Fausto, capo cantiere e storico cooperatore edile, nato a Sermide ma ora milanese di adozione, da oltre quarant’anni lavora nella cooperazione edilizia. “Ci si abbronza bene”, dice con il sorriso e le mani rosse, per l’ossido che c’è sul nastro che ha appena usato per tracciare. “Per tutti è un riferimento, la sua esperienza è un patrimonio”, aggiunge Dalle Mele.

La visita continua, discutendo del progetto e dell’evoluzione dei lavori che gli studenti di IV torneranno a vedere prima della consegna, prevista per luglio 2020. Mentre gli studenti osservano con attenzione il disegno del progetto, indicando pesi e misure, in lontananza un camion carica il materiale di scavo diretto alla Cava di Ronchetto, dove sarà riutilizzato.

* Dieci metri cubi è quanto carica in genere un’autobetoniera.

CONDIVIDI