Sabato 12 ottobre nel quartiere Ortica di Milano abbiamo partecipato al cerimoniale della “posa della prima pietra” nel cantiere di Via Cima, dove sorgerà un nuovo intervento a proprietà indivisa della cooperativa SEAO, realtà storica della cooperazione di abitanti in Lombardia. Con i suoi 140 anni di solidarietà e accoglienza la Società Edificatrice Abitazioni Operaie non inaugura semplicemente un nuovo cantiere in città ma dà una risposta al bisogno di casa di decine di nuclei familiari della cosiddetta “fascia grigia” (chi non ha i requisiti per accedere alla casa pubblica né le risorse per il libero mercato) offrendo alloggi assegnati in godimento a canoni contenuti. Oltre alle pietre ci sono le persone, con le quali si costruisce comunità, in un quartiere – l’Ortica – dove la storia della cooperazione è scritta sui muri. Perché “per la cooperazione costruire comunità di abitanti non rappresenta innovazione e sperimentazione ma tradizione e continuità dei valori” come ha commentato Matteo Busnelli, coordinatore del Dipartimento Housing di Legacoop Lombardia.

Queste foto di Alberto Scandalitta, dove sembra di sentire anche lo squillo della tromba, vogliono restituire proprio questa idea di comunità.