Scarpette Rosse, arte pubblica per l’eliminazione della violenza contro le donne

23 Novembre 2020

CONDIVIDI


In occasione del 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, l’associazione OrMe Ortica Memoria, a cui aderiscono cooperative di Legacoop Lombardia, presenta Scarpette Rosse, un’installazione artistica che coinvolge i quartieri milanesi tra Ortica e Cimiano.

L’iniziativa, che si ispira al progetto d’arte pubblica Zapatos Rojos dell’artista messicana Elina Chauvet, è un’opera partecipata realizzata grazie al contributo volontario di singoli cittadini e di associazioni di quartiere. Al progetto ha collaborato anche il Gruppo Pari Opportunità della Rai di Milano attraverso la realizzazione di un video di documentazione dell’installazione.
Il progetto è una sorta di via crucis laica, articolata in sette stazioni (Ortica, Cavalcavia Buccari; Ortica, Balera dell’Ortica; Ortica, Ponte Viola; Rubattino, Viale Cutuli; Lambrate, Circolo ACLI Conte Rosso; Palmanova, Cortili Solidali; Cimiano, Giardini Pubblici). Le stazioni ospitano un numero variabile di scarpette rosse e di targhe commemorative, dedicate alle donne vittime di violenza durante il periodo del lockdown. Le scarpette rosse rappresentano la traccia di ciò che le donne vivono, lo strazio e la paura che provano, il sangue che ogni giorno versano per mano di mariti ed ex mariti, amanti e fidanzati, fratelli, figli, padri. Le targhe commemorative raccontano il loro calvario, la storia della violenza subita. Il materiale, per la maggior parte raccolto dalle pagine di cronaca nera e in misura minore fornito dai centri antiviolenza operanti sul territorio, è stato rielaborato dalla drammaturga Elena Cerasetti in forma di monologo interiore, per dare voce a chi una voce non l’ha più ma anche alle donne che ce l’hanno fatta a uscire dalla spirale della violenza. L’obiettivo del progetto è tenere viva l’attenzione sul dramma del femminicidio e al contempo ricordare che comunicare, fare rete, creare spazi di ascolto sia l’alternativa possibile.

A causa delle restrizioni vigenti per il Covid-19, l’inaugurazione del progetto avverrà in forma ridotta e si limiterà alla sola stazione Cavalcavia Buccari, Ortica in data 25 novembre alle ore 11.00.

Hanno aderito: OrMe Ortica Memoria, Circolo dell’Ortica, Cooperativa Edificatrice Ortica, Cooperativa Antonietta, Associazione OIKIA, ACLI Lambrate, Mai da Sole – Centro Antiviolenza, Cortili Solidali, ANED, ANPI, ANPC, SPI, ViviRubattino, Mamme Rubattino con il patrocinio di Municipio 3 Milano.

SCARICA LA PRESENTAZIONE: CLICCA QUI

CONDIVIDI