A vele spiegate, al lavoro per uscire dalla violenza

18 Marzo 2022

CONDIVIDI


Cerchi D’Acqua centro antiviolenza cooperativa sociale nella rete a sostegno dell’autonomia lavorativa femminile in un percorso di uscita dalla violenza. La cooperativa Vita dedica un articolo al progetto.

“A vele spiegate” è il titolo del progetto sostenuto da Enel Cuore Onlus, avviato a inizio 2022, e di cui fanno parte il Centro Italiano Femminile Metropolitano di Milano (Cif), ente capofila, Afol Metropolitana, il Centro antiviolenza Cerchi D’Acqua e Spazio 3R Riciclo Ricucio Riuso.
Come si legge dall’articolo di Vita: “A vele spiegate mette insieme le diverse esperienze dei partner di progetto per coinvolgere 25 donne dell’area metropolitana milanese in un percorso che le porti a essere consapevoli del loro potenziale e le accompagni al lavoro nell’ambito della moda e della sartoria sostenibile. Per farlo, il progetto prevede il coinvolgimento delle donne in attività di coaching e orientamento, di formazione tecnico professionale, di formazione imprenditoriale e accompagnamento al lavoro. L’obiettivo del progetto è, infatti, quello di rendere le donne protagoniste del loro futuro professionale, fornendo loro strumenti e conoscenze utili per una ripartenza lavorativa”.

Al progetto partecipa la cooperativa sociale, centro antiviolenza, Cerchi D’Acqua, tra i soci fondatori di D.I.Re., l’associazione nazionale che riunisce la maggior parte dei Centri Antiviolenza.
Il commento della cooperativa a Vita: “Intraprendere un percorso di uscita dalla violenza significa spesso affrontare anche la difficoltà di un inserimento lavorativo. Avere una propria fonte di reddito rappresenta una tappa fondamentale per la conquista della propria autonomia. È quindi necessario offrire alle donne accolte uno spazio dove valorizzare le competenze e i desideri, senza che abbia il sopravvento la consapevolezza degli ostacoli pratici esistenti e le difficoltà relazionali indotte dalla violenza”.

LEGGI L’ARTICOLO SU VITA: CLICCA QUI

CONDIVIDI