Dal Parenti all’Ortica, le cooperative tra i luoghi del FAI

10 Maggio 2021

CONDIVIDI


Sabato 15 e domenica 16 maggio, dopo più di un anno a causa della pandemia, tornano le Giornate FAI di Primavera dedicate al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese. Tra i luoghi cooperativi da visitare a Milano: il Teatro Franco Parenti, il borgo di Chiaravalle e il quartiere Ortica.

La grande manifestazione di piazza del FAI (Fondo Ambiente Italiano), dal 1993 il più importante evento dedicato al patrimonio culturale che celebra arte, storia e natura, torna dopo il lockdown per visite in totale sicurezza e nel rispetto delle normative vigenti.
Proprio in questi giorni la manifestazione ha ricevuto la Targa del Presidente della Repubblica, un riconoscimento che “incoraggia a fare sempre meglio e a svolgere con sempre maggior efficacia il principio di sussidiarietà, sancito dalla Costituzione” come si legge dal sito della Fondazione.

Tra le proposte di visite guidate, diversi luoghi di cooperazione, tra cui a Milano:

Cooperativa Teatro Franco Parenti
La visita guidata al Parenti è un’occasione unica per inoltrarsi dietro le quinte dello storico teatro milanese. Un percorso in cui si potrà calcare il palcoscenico delle sale più famose del Teatro come Sala Grande e Sala AcomeA e sostare nell’ampio e luminoso Foyer ritmato da passerelle e vetrate affacciate sull’incantevole cornice delle piscine dei Bagni Misteriosi. La visita si svilupperà anche in ambienti abitualmente non accessibili al pubblico come i camerini del Teatro. Un viaggio per scoprire aneddoti, curiosità e segreti legati a uno dei principali riferimenti culturali ed artistici milanesi che, nei suoi spazi in continua trasformazione, ha visto passare i protagonisti della scena teatrale italiana e internazionale. Dopo mesi di chiusura anche i luoghi culturali e artistici possono finalmente riaprire le loro porte al pubblico. La visita guidata è un’occasione per creare un momento di incontro e dirsi che presto il teatro ripartirà a pieno ritmo con tutte le sue iniziative.
Per prenotare la visita: clicca qui

Una Passeggiata nel Borgo di Chiaravalle
La passeggiata nel Borgo di Chiaravalle porta alla scoperta di questo piccolo e prezioso borgo-quartiere, del suo passato ricco di avvenimenti e delle politiche di innovazione che ne immaginano il futuro. Grazie alla collaborazione con quattro associazioni locali, ABC – Associazione Borgo di Chiaravalle, il Circolo Arci Francesco Pessina, ‘Terzo Paesaggio’ e ‘Terra Rinata’, i narratori del FAI faranno rivivere le storie del borgo attraverso i suoi luoghi. La passeggiata partirà dal comprensorio ottocentesco, sede del Circolo Arci e della ex scuola, per poi percorrere le strade di Chiaravalle tra ponti, cascine e antiche farmacie, fino al giardino condiviso, luogo dedicato alla cura delle piante e delle persone attraverso il giardinaggio e diverse esperienze multisensoriali.
Per prenotare la visita: clicca qui

Nel borgo di Chiaravalle operano le cooperative sociali Koinè, a cui è affidata la gestione delle attività all’Antico Mulino, e le cooperative Progetto Integrazione e Genera aderenti alla rete che gestisce Casa Chiaravalle, il più grande bene confiscato alla criminalità organizzata in Lombardia oggi luogo di accoglienza di donne – straniere e italiane – vittime di violenza ma anche di attività culturali e aggregative aperte a tutti.

Ortica Street Art
Da borgo agricolo nella periferia di Milano, a zona industriale del comune di Lambrate, a quartiere dai mille volti e colori del municipio 3. Questo è Ortica, che grazie al progetto di riqualificazione “Or.Me – Ortica Memoria” oggi è diventato un museo a cielo aperto. Per la prima volta alle Giornate FAI di Primavera conoscerete Ortica attraverso i suoi muri, che con opere di street art raccontano le origini, le vicende e le tradizioni del quartiere. Ad accompagnarvi nel tour ci saranno Giorgio Gaber, Carlo Alberto dalla Chiesa, Alda Merini e molti altri personaggi che hanno lasciato un segno su Milano, e non solo. Grazie alla loro testimonianza, vedrete riflessa nei muri dell’Ortica una storia tutta italiana, che parte dal movimento dei lavoratori del Novecento, passa per la Seconda Guerra Mondiale e approda al tema, attualissimo, dell’immigrazione.
Per prenotare la visita: clicca qui

Il progetto Or.me Ortica Memoria, sostenuto da Legacoop Lombardia, è animato dalla Cooperativa edificatrice Ortica, con sede in Via San Faustino, dove campeggia il murale della cooperazione, primo ad inaugurare il progetto di quartiere museo. Aderiscono e sostengono il progetto anche le cooperative SEAO, Il Melograno e Coop Lombardia.

CONDIVIDI