La rigenerazione cooperativa di Industria Scenica

26 Luglio 2021

CONDIVIDI


Nei mesi di giugno e luglio 2021 la cooperativa culturale ha trasformato Vimodrone, cittadina alle porte di Milano, in un luogo d’arte con un progetto di riqualificazione collettiva e partecipata che ha coinvolto quattro street artist di fama internazionale.

Riempire di colore e bellezza luoghi rappresentativi per la comunità. Con questo scopo è nata l’azione “Luoghi d’Artista” all’interno del progetto “Inneschi”, curato e organizzato dalla cooperativa Industria Scenica, in partenariato con il Comune di Vimodrone (MI) e il sostegno della Fondazione Comunità Milano Onlus.
Luoghi della cultura che rinascono attraverso percorsi di arte e partecipazione, ispirandosi ai principi del participatory design. Dalla Scuola Secondaria di primo grado alla Scuola dell’Infanzia, dall’Everest – Spazio alla Cultura alla Biblioteca Comunale “Lea Garofalo”, ogni luogo si è trasformato in un’opera d’arte sociale fatta di frasi poetiche, writing o dipinti.
Coinvolti quattro artisti di fama internazionale: Ivan Tresoldi, che ha trasformato in poesia la scala della biblioteca pubblica; Gola Hundun che all’intervento murale ha affiancato un’installazione ambientale, con piantumazione di piante e creazione di nidi per gli uccelli; 2501 che ha rigenerato la parete esterna dell’Everest – Spazio alla Cultura, sede della cooperativa; Simone Brullo che con i suoi dipinti sulle pareti della scuola dell’infanzia ha raccontato la flora e la fauna tipiche della Martesana. Ogni opera è stata il frutto di laboratori, incontri, scambi e relazioni con gli abitanti, dai bambini agli anziani, per costruire insieme “un nuovo patrimonio collettivo di bellezza per tutti i cittadini che non solo rafforzerà il senso di appartenenza a questi luoghi e alla città, ma favorirà anche l’avvicinamento ai percorsi culturali che questi luoghi hanno attivato”.

Info: industriascenica.com

CONDIVIDI