Servizio civile in cooperativa, scopri i progetti della Lombardia

11 Gennaio 2022

CONDIVIDI


Formazione, cultura, tutela e protezione dell’ambiente, assistenza alle fragilità, innovazione digitale e servizi alla persona. Scopri i progetti di servizio civile delle cooperative sociali aderenti a Legacoop Lombardia:

  • MIKADO, attività multidisciplinari per un’educazione equa e partecipata

Un progetto per contrastare la dispersione scolastica attraverso percorsi educativi di qualità e protagonismo giovanile, per un’idea di educazione come bene comune.

Due cooperative milanesi, Industria Scenica e Tempo per l’Infanzia, uniscono competenze ed esperienze per un progetto educativo multidisciplinare rivolto a giovani under25.
Industria Scenica è una giovane impresa creativa che si occupa di welfare culturale.
Tempo per l’Infanzia da oltre 30 anni offre servizi socio-educativi per famiglie, in particolar modo per bambini e adolescenti.
Il progetto prevede percorsi educativi accessibili, inclusivi e innovativi con attività di socializzazione come interventi artistici, sportivi, culturali e di cittadinanza attiva. Per ricucire le dinamiche socio-relazionali gravemente compromesse dalla pandemia, contrastare la dispersione scolastica e favorire il reinserimento sociale dei NEET. Si vuole anche promuovere la partecipazione e l’inclusione delle diverse fasce della popolazione con attività gratuite, offerte calmierate e borse di studio. I volontari sono chiamati a un ruolo attivo e partecipativo: dall’osservazione delle dinamiche di lavoro e di relazione con i bambini/ragazzi, fino all’ideazione, programmazione e organizzazione di attività e azioni per il coinvolgimento e il protagonismo della comunità giovanile, attraverso proposte laboratoriali e formative.

  • MY COMPASS

Un progetto di servizio civile digitale per sostenere l’accesso alle nuove tecnologie di migranti e giovani, verso percorsi di maggiore autonomia.

La cooperativa sociale Il Melograno, nella sua sede di Segrate alle porte di Milano, propone un progetto di educazione e formazione digitale che renda i volontari del servizio civile facilitatori digitali capaci di promuovere ed educare i beneficiari – giovani e migranti – all’utilizzo consapevole e responsabile delle nuove tecnologie, per favorire lo scambio di competenze diffuse e affermare, anche nel digitale, i valori e i principi della cooperazione.
La cooperativa, che dal 1999 si occupa di servizi alla persona lavorando con minori, anziani, persone con disabilità e migranti, sarà per i volontari luogo di apprendimento e confronto, dove fare esperienza di imprenditoria sociale.
Quale attività opzionale indicata nel progetto c’è la conoscenza approfondita dei centri per l’impiego territoriali per condividere percorsi di orientamento al lavoro.

  • PORTA DI SERVIZIO

Un progetto di arte e inclusione che invita i giovani a radicarsi nel proprio territorio di appartenenza attraverso la cultura, con un approccio creativo alla formazione e al lavoro.

La cooperativa Teatro Magro – che dal 1988 a Mantova fa della pratica teatrale e artistica uno strumento culturale, sociale e di comunicazione – propone un progetto che fa da “porta di servizio” come anticipa il titolo. Per uscire dall’idea di dover lasciare la propria città o appiattirsi a condizioni minime di vita e riappropriarsi delle proprie radici attraverso la cultura quale spazio professionale flessibile e innovativo.
Il progetto vuole quindi stimolare nei giovani un approccio creativo alla formazione e al lavoro, a partire da una conoscenza profonda del territorio e della vita culturale attiva della comunità. Dalla visione di spettacoli alla progettazione di attività rivolte a un pubblico giovane fino alla partecipazione alla stesura della programmazione nella sede di Teatro Magro.
Con il linguaggio dell’arte e l’avventura della sperimentazione, la cooperativa intende contribuire al rinnovamento e ricambio generazionale lavorando sui temi dell’educazione e promozione culturale, paesaggistica, ambientale, del turismo sostenibile e dell’inclusione sociale.

  • TRANSFORM! Nuove pratiche culturali per abitare un nuovo mondo

Un progetto di partecipazione giovanile, innovazione culturale e comunicazione multimediale.

La cooperativa sociale Il Visconte di Mezzago propone un progetto che mette al centro i giovani e la loro capacità di generare il cambiamento attraverso la partecipazione e l’attivismo.
Il raggio di azione è il vimercatese, area della provincia di Monza e della Brianza, dove la cooperativa dal 1987 gestisce il Centro Culturale Bloom.
I volontari saranno coinvolti in un percorso di indagine e mappatura del territorio che riguarda quattro aree tematiche: beni artistici e culturali, luoghi di criticità ambientale, luoghi di protagonismo giovanile, produzione agricole locali.
Previste visite e sopralluoghi finalizzati ad operazioni di storytelling e reportage con diverse forme espressive. I volontari agiranno dentro un laboratorio di sperimentazione culturale con il ruolo di “ricercatori”, per divenire ricettori e stimolatori di possibili connessioni tra i vari attori del territorio e finalizzare il proprio intervento alla realizzazione di eventi ed iniziative pubbliche.
Il progetto, orientato all’educazione e promozione culturale e ambientale, vuole sostenere il protagonismo giovanile attraverso la cooperazione.

  • VICINI DI GRACE

Un progetto per mettere in relazione i giovani con gli anziani fragili, attraverso progettualità di rete e di comunità all’interno di un ecosistema di cura cooperativa.

La cooperativa sociale Genera Onlus, presente nel territorio di Milano dal 1998 con servizi rivolti alla persona, in particolare agli anziani e all’infanzia, propone un progetto a supporto della quotidianità degli utenti presi in carico dai servizi. All’interno del Borgo Sostenibile di Figino, la cooperativa ha dato vita a Grace, un progetto innovativo che integra habitat terapeutici, spazi comunitari e ricerca per affrontare le sfide dell’invecchiamento.
Ai volontari è richiesto di affiancare le equipe nella realizzazione di occasioni e azioni in grado di potenziare la relazione positiva tra gli ospiti dei servizi residenziali: piccole attività concrete quotidiane che riprendano il normale svolgimento della giornata oppure attività specifiche di carattere ludico/ricreative che attivino le competenze degli ospiti, assieme al supporto nella realizzazione degli allestimenti, anche di habitat terapeutici, in collaborazione con Grace Lab, partner di progetto.

Il bando è rivolto ai giovani tra i 18 e 28 anni, che intendono intraprendere un’esperienza di volontariato della durata di 12 mesi, all’interno di una cooperativa sociale. Il servizio civile è infatti un’opportunità concreta, un’esperienza formativa davvero importante non solo per i giovani, ma anche per le cooperative che ospitano un volontario.
Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente tramite SPID attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo domandaonline.serviziocivile.it
Le domande di partecipazione devono essere presentate entro e non oltre le ore 14.00 del 26 gennaio 2022.

Info: CLICCA QUI

CONDIVIDI